giovedì 18 luglio 2013

Cosa vuoi per pranzo?

"Cosa vuoi per pranzo?"
La domanda sorge spontanea ogni mattina. Sorge dalla bocca di mia madre con la quale non vivo più da qualche anno, a parte il periodo che passiamo insieme d'estate al mare.


E quindi, "cosa vuoi per pranzo?" è la domanda che ho sentito ogni santa mattina della mia vita quando abitavamo insieme e che sento ancora ogni santa mattina quando torniamo a condividere la stessa casa.

Arriva puntualmente al mio fianco quando mi sono appena svegliata, nel momento esatto in cui metto il culo sulla sedia per fare colazione. Come un falco sulla sua preda.

Io non sono una di quelle persone che appena aprono gli occhi partono in quarta. Ho bisogno almeno di qualche minuto per capire chi sono, dove sono, perchè esisto. Chi sei tu che mi parli...
"Cosa vuoi per pranzo?"
Mpf.
L'unica cosa che desidero appena alzata è la colazione. Se manca il latte faccio la pazza. Caffè: tazzina arpionata con mano ad artiglio.
Cazzarola ne so che voglio mangiare fra 5 ore??

Quando ho iniziato a parlare (immaginate quanti anni sono passati!) le rispondevo semplicemente: "non lo so". E lei lamentandosi diceva che non lo sapeva nemmeno lei, che io non le davo mai un'indicazione e quindi si allontanava borbottando per continuare a fare le sue cose.
E io continuavo a inzuppare i miei biscotti nel latte in estrema serenità.
Atteggiamento tipico dei bambini.

Quando sono cresciuta ho iniziato invece ad irritarmi. 
Non perchè sono una becera, ma mannaggia alla miseria: tutte le mattine???
E quindi: "mamma mi sono appena svegliata! Non so cosa voglio mangiare a pranzo perchè ora voglio fare colazione e penso solo al latte e a qualcosa di dolce! Fai quello che ti pare!!"
Solito rituale di lei che si allontanava borbottando.
E io che continuavo a mangiare anche se un pò infastidita.

Poi un giorno invece le ho detto: "mamma mi spieghi una cosa? Saranno trent'anni che mi fai la stessa domanda e sono trent'anni che non ti rispondo, ma perchè continui a farmela?"
"Almeno ci provo", mi ha risposto lei.

E quindi adesso, quando mi capita di condividere di nuovo con lei la stessa casa, ogni volta che la mattina mi chiede cosa voglio mangiare a pranzo le dico che non lo so. Continuo serenamente a inzuppare i biscotti nel latte e gusto con calma il mio caffè. 

Perchè quando vince la rassegnazione e ti metti l'anima in pace è un pò come tornare bambini.


14 commenti:

  1. carina...
    ti ho scoperta tramite Kreattiva e sono diventato tuo follower
    http://consiglidirocco.blogspot.it/
    ti aspetto,a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Rocco! sono tua follower anche io.originale l'idea del tuo blog

      Elimina
  2. Ciao, anch'io ti ho conosciuto grazie a Kreattiva e sono diventata tua follower. Quando vuoi passa da me (http://cecieviola.blogspot.it/), ti prometto che non ti chiederò cosa vuoi per pranzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cecilia, magari consiglio il tuo blog a mia madre!! cmq anche a me piace cucinare: proverò qualcuna delle tue ricette. ti seguo :)!!
      p.s. dammi qualche consiglio per le torte da bambino, io ne ho fatte diverse, una la trovi qui: http://ilnasorosso.blogspot.it/2013/06/codette-rosse.html:

      Elimina
  3. Ciao! Ho il piacere di conoscere il tuo blog grazie all'iniziativa di kreattiva, mi unisco subito ai tuoi follower! ti aspetto da me se ti va di unirti e seguirci a vicenda, fammi sapere (✿◠‿◠)

    http://matrimonioconsponsorcalabria.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avevo sentito di iniziative come la vostra, ma non avevo mai conosciuto nessuno che la mettesse in pratica, vi seguo!!

      Elimina
  4. Se consideri che "cosa mangiamo a cena?" Me la fa il mio compagno....anche dopo un pranzo di matrimonio.....puoi capire....che c'è di peggio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peggio forse è mia zia: http://ilnasorosso.blogspot.it/2012/04/zitta-e-mangia.html

      Elimina
  5. queste mamme.. anche la mia è uguale!! adorabili??!!!!??? ma si dai.. adorabili... ti seguo con molto piacere.. noemi http://truccoedintorni.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Noemi, piacere mio!!
      c'è mancato poco che chiamassi mia figlia come te :)

      Elimina
  6. Ciao, leggendo il tuo post mi sembrava di essere tornata ragazza, mi svegliavo quasi sempre in ritardo ed assonnata e dovevo prepararmi di corsa per andare al lavoro, volevo solo pochi minuti di tranquillità per gustarmi in pace la colazione e mia mamma me lo chiedeva... io mi irritavo tantissimo, come si fa pensare al pranzo alle 7,30 del mattino?
    Ma la ruota gira, adesso sono mamma e certe volte lo chiedo a mia figlia solo perchè vorrei mettere in tavola il suo piatto preferito!
    Sono iscritta anch'io a Kreattiva, ti seguo volentieri
    Baci!

    http://laforchettarossa.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabry ti seguo: in cucina c'è sempre da imparare!!

      Elimina
  7. Ciao
    grazie per aver partecipato all'iniziativa su kreattiva, sono un pochino in ritardo :-) ma felice di farti un salutino anche se veloce ciao rosa di kreattiva

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...